Ma quindi, è meglio android o iphone? Ecco la guida su come scegliere uno smartphone

Meglio android o iphone? La domanda vera e propria dovrebbe essere: meglio un telefono smartphone android o un iphone?

Ogni anno è sempre la stessa storia: esce un nuovo android o una nuova versione di iOs e tutti che si chiedono chi abbia vinto: velocità, stabilità, leggerezza e sopratutto design. Tutti mi chiedono se devono comprare un android o un iphone.

La questione è di difficile soluzione: per farla breve tutto dipende da che persona sei e che stile di vita hai!

Chiariamo però una cosa: quando si compra un telefono con sistema operativo android, si scelgono tre cose: la marca e modello del telefono, e la versione di android; mentre, quando si opta per il dispositivo apple si sceglie solo il modello! Cerco di spiegarmi meglio.

Quando optiamo per lo smartphone di casa apple, l’iphone, possiede un unico sistema operativo cioè l’iOs in diverse versioni ma tutte, tutte, funzionano bene e sono ottimizzate per i vari iphone in circolazione (ovviamente..gli ultimi 2-3 modelli). Chiaro è che le ultime sono sempre le più stabili e veloci e “fighe”. Quindi quando compriamo IL dispositivo apple, compriamo un unico pacchetto.

Quando decidiamo di virare su un telefono android, dobbiamo fare diverse scelte: abbiamo di fronte un mare di marche diverse (Samsung, Huawei, Nokia..) e ognuna di essere presenta decine di modelli diversi: quello più grande, più piccolo, con la fotocamera di millemila pixel, sensore di battito cardiaco o riconoscimento facciale e così via.. e sopratutto versioni diverse di Android ( le ultime sono Nougat e Oreo).

Piccola postilla: un sistema operativo è un insieme di codici (te la faccio facile, a te lettore che leggi e che magari non sei dentro questo strano mondo fatto di bit) che permettono ad un dispositivo (telefono, tablet, computer etc..) di far funzionare tutto ciò che quel dispositivo possiede dunque per esempio la rete wireless, il bluetooh, inviare e ricevere messaggi e così via.

E’ logico, dunque, pensare che se un sistema operativo viene scritto per un solo dispositivo, quel sistema operativo sarà performante e funzionante al 99% (ci riserviamo l’esistenza di qualche bug 🙂 ) mentre se un sistema operativo deve essere applicato a più terminali allora sicuramente non sarà mai performante perchè ogni dispositivo avrà delle funzioni hardware e software diverse (per esempio la fotocamera cambia di marca in marca e così via…).

android,ios,iphone,smarthone,tablet,sistemi operativi

All’inizio era solo apple…

Inizialmente l’iphone apple riuscì a conquistare il mercato, a differenza di android, perchè il suo telefono era semplice da usare (un solo tasto, cioè anche mia madre riuscirebbe a tornare facilmente al menu iniziale!) e presentava una grafica accattivante. Certo, erano presenti alcuni bug, ma l’utente “classico” della mela a queste cose non ci fa caso.

Nel frattempo, prendeva piede Android che permetteva ai produttori di telefoni di usare un sistema operativo aperto e adattabile ai propri dispositivi. Negli anni il core (il cuore, la base di un sistema operativo) di Android è migliorato al punto da presentare una vasta gamma di funzioni basilari e sopratutto modificabili in base alle esigenze di ogni telefono: col passare degli anni Android è diventato praticamente simile al sistema Apple, tanto da avere delle funzioni standard leggibili e funzionanti su qualsiasi dispositivo che lo supportasse, e anche lato programmazione dava la possibilità a chiunque di scrivere una app dedicata a quel sistema quindi aperto al mondo e non chiuso come quello Apple.

Proprio la diversità fra sistema chiuso e sistema aperto ha fatto si che il mercato si aprisse di più al sistema Android piuttosto che quello Apple.

Sulla stessa scia troviamo la Microsoft col suo sistema Windows 7 e poi con Windows 10 (la versione 8 non la nomino, al pari di Windows Vista… diventerei volgare).

Ecco cosa voglio dirvi, riassunto in poche righe.

Molto semplicemente il sistema operativo Apple iOS è stato sviluppato esclusivamente per i suoi prodotti ed è quindi costantemente aggiornato e ottimizzato per trarre il meglio dalla dotazione hardware.

Android, di contro, è un prodotto opensource che – fatta eccezione per diversi firmware “non liberi” realizzati da produttori specifici e che vengono utilizzati per far funzionare alcune componenti nonché per le Google Apps tra cui il Play Store – può essere utilizzato da chiunque, su qualsivoglia dispositivo.

Android deve quindi avere a che fare con migliaia di configurazioni hardware possibili, completamente diverse l’una dall’altra.
È quindi del tutto impossibile agire alla fonte per implementare ottimizzazioni specifiche che invece Apple può tranquillamente adottare: iOS segue, passo dopo passo, lo sviluppo delle nuove generazioni di iPhone.

Ne consegue che sia il sistema operativo che le applicazioni, su Android, richiederanno maggiore memoria RAM rispetto ad iOS che, tra l’altro, è ben noto per la sua “propensione” a chiudere qualunque servizio superfluo, così da migliorare le prestazioni e aumentare l’autonomia della batteria dell’iPhone.

Cosa scegliere, dunque, fra apple e android?

A mio modesto parere, la scelta deve essere personale: andate in un negozio, provate tutti e due i dispositivi scelti e guardate le loro caratteristiche al tatto e alla vista. Già così, inizierete a capire quale piace alla vostra vista e alle vostre dita. Spesso il materiale della scocca e il peso fanno la differenza.

Successivamente, chiedete di provarli accesi: controllate la reattività, il touch, aprite tante app contemporaneamente e guardate quale si “impalla” di meno. Non per ultimo, controllate bene i colori e la nitidezza degli schermi in modo da non scegliere quello che vi farà appesantire la vosta e provocherà dolore agli occhi.

Le caratteristiche imprescindibili per scegliere il miglior smartphone 2018!

Successivamente, guardate le caratteristiche a mio avviso importanti:

  1. Connessione: almeno 4G, dai!
  2. Fotocamera: consiglio gli 12Mp per la camera retro, e i 5Mp per la camera fronte
  3. Batteria: dai 3000mAh in su. Arriverete facilmente alle 20 di sera col telefono ancora carico.
  4. Memoria interna: almeno 32gb con possibilità di espanderla tramite microsd.
  5. Display? Difficile… in base al gusto ed esigenze. Di mio, non scenderei mai sotto i 5 pollici.
  6. Se sei un professionista, opta per un dual-sim in modo da poter gestire la scheda per i familiari e la scheda per il lavoro (da bloccare nel weekend 🙂 )
  7. Ram: 4Gb
  8. Video: supporto per il 4k
  9. Wifi e Bluetooth! (occhio, il bluetooth della apple non ti permette di scambiare file con dispositivi che non siano apple!)
  10. IL PREZZO!!!

 

 

Antonio Sisto

Consulente informatico di Bari, creo siti web per piccole e medie imprese e privati. Gestisco la loro comunicazione classica e digitale (passando dal cartaceo ai social e web). Sono un webmaster con la passione per il marketing tecnologico e digitale, e una spiccata dose di abilità nella comunicazione politica. Realizzo anche ecommerce, grafiche, video e foto e sopratutto curo le campagne pubblicitarie digitali. Se cerchi la creazione di siti web a Bari, un webmaster specializzato nello sviluppo di siti web, ecommerce, social, campagne pubblicitarie, seo & sem, rebranding, allora contattami..

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: